Audi g-tron e gli chef stellati insieme per l’ambiente

Condividi l'articolo

Due punti di partenza diversi, da un lato i motori, dall’altro il cibo, ma un obiettivo comune: la sostenibilità ambientale. Audi, l’unico marchio automobilistico premium al mondo a proporre una gamma di vetture a doppia alimentazione (benzina e gas naturale compresso), è title sponsor della terza edizione di Care’s – The Ethical Chef Days, l’evento ideato in Alta Badia da Norbert Niederkofler, lo chef tristellato del ristorante St. Hubertus di San Cassiano (Bolzano). Così alta cucina, alta montagna e alta tecnologia automobilistica si incontrano in un evento unico, all’insegna della sostenibilità delle risorse. Un tema caldo nel mondo dell’automotive che la Casa dei quattro anelli sta affrontando con grande impegno e proposte variegate: in attesa del debutto del nuovo SUV e-tron, prima Audi di serie totalmente elettrica, il mild-hybrid, l’hybrid plug-in e il metano sono già ottime soluzioni per ridurre l’impatto ambientale senza rinunciare a sportività e piacere di guida.

In particolare la nuova gamma g-tron, dove alla compatta A3 si affiancano ora l’A4 Avant e l’A5 Sportback, è una risposta intelligente e divertente al problema dell’inquinamento. Rispetto al Diesel, l’emissione di Co2 è ridotta del 30%, quasi annullata quella di Pm10 e dimezzata la rumorosità: il tutto si traduce così nella fine delle limitazioni al traffico per questo tipo di veicoli. Buone notizie anche sul fronte sicurezza perché il metano, a differenza del GPL (gas di petrolio liquefatto), è una materia prima leggera e facile da trasportare, che in caso di fuoriuscita si disperde nell’atmosfera (quindi è sempre consentito l’accesso ai parcheggi sotterranei) e che ora viene conservata in nuove bombole in plastica rinforzata con fibra di vetro, che riducono della metà il peso rispetto alle tradizionali, sono omologate fino a 300 bar (ben oltre quindi i limiti di legge di 200 bar) e possono essere controllate visivamente dai tecnici specializzati in meno di un’ora. Ma a colpire è soprattutto l’efficienza di questa “ecotecnologia nobile”: con 10 euro di rifornimento si coprono 270 km a metano, contro i 121 km a benzina e i 167 km a Diesel. E su alcuni modelli l’autonomia del serbatoio a metano è superiore a quella della benzina.

Per un taglio ancora più netto dell’impatto ambientale, Audi ha poi inaugurato la prima fabbrica di e-gas. L’impianto di Emsland, in Germania, è alimentato dall’energia eolica, e nei prossimi tre anni produrrà lo stesso quantitativo di gas sintetico che verrà consumato da tutte le vetture g-tron in circolazione, reimmettendolo quindi nel sistema, con la conseguente riduzione delle emissioni di Co2 dell’80%. Secondo un credo condiviso anche da tanti chef: «Respect will lead us to the future».