Volo in ritardo? Per ottenere il rimborso c’è un app

Condividi l'articolo

AirHelp prende in considerazione tutti i voli degli ultimi tre anni e permette di ottenere fino a 600 euro. Con la nuova funzione Mappa di Viaggio si possono condividere i viaggi aerei con gli amici

Airhelp è stata creata nel 2013. L’ultima novità è la funzione Mappa di Viaggio

Con l’arrivo delle low-cost le nostre vacanze sono cambiate: prendiamo sempre più spesso l’aereo, ci rifugiamo in capitali prima lontanissime o in paradisi che ora sono dietro l’angolo. Non tutto, però, va sempre per il verso giusto. Con l’aereo “facile” sono arrivati anche i ritardi, che dal 7 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018 hanno riguardato ben 52 mila italiani. Il dato è fornito da AirHelp, società che dal 2013 ha creato un sito e poi un’app che consentono di richiedere rimborsi in modo facile e veloce. Basta inserire il numero del volo e i nostri dati per sapere se, al posto del tempo perduto, abbiamo almeno possibilità di riavere indietro qualche soldo. Volendo, possiamo permettere all’app di scandagliare la nostra casella di posta Gmail: sarà lei a scovare i codici aeroportuali e a capire in quali casi può procedere. Accedere al servizio non costa nulla e solo in caso di risarcimento daremo il 25 per cento a AirHelp. Finora, dicono dall’azienda, hanno aiutato oltre cinque milioni di passeggeri a ottenere fino a 600 euro in caso di ritardo o massimo 7.000 per la cancellazione del volo.

Il prossimo passo per AirHelp è la Mappa di Viaggio, un nuovo strumento che permette di scandagliare tutti i voli prenotati negli ultimi tre anni per controllare se c’è la possibilità di avere qualcosa indietro. Non solo: la nuova funzione permette anche di vedere su mappa tutti i nostri spostamenti aerei, con linee e puntini che indicano le tratte effettuate e le città toccate da 36 mesi a questa parte. Per accedere al servizio è necessario avere una casella di posta su Gmail, Hotmail o Outlook. Per i maniaci dei dati, accanto alla grafica accattivante è possibile sapere quando denaro abbiamo speso in voli e i chilometri percorsi in aria (paragonati alla distanza tra la Terra e la Luna, 384.400 chilometri). Ovviamente è anche prevista la possibilità di condividere la mappa con amici e follower su Facebook e Twitter: uno strumento che unisce utile e dilettevole e che piacerà soprattutto a chi viaggia molto.